Coronavirus 1 – Fiori 0 Impatto nel mondo dei fiori

Slider Flowers & Plants dekoTouch

Impatto del coronavirus sui mercati di esportazione da parte dei mercati olandesi.  Royal FloraHolland ha rilasciato un aggiornamento del Ministero dell'agricoltura, della natura e della qualità alimentare (LNV), che è coinvolto nelle misure di crisi che circondano il Coronavirus e informa Royal FloraHolland dell'impatto del virus sul mercato dell'agricoltura. Aggiornamento Lun 16 mar 2020

Questo in breve il quadro attuale del comparto floricolo olandese al 16 marzo 2020

Germania: l'industria agricola tedesca sta subendo gli effetti del Coronavirus sulle esportazioni e sul mercato interno. Tuttavia, l'associazione Raiffeisen (DRV) non prevede importanti riduzioni dei prezzi in quanto la domanda rimane elevata. Il presidente della DRV Holzenkamp prevede che l'impatto sui flussi commerciali diventerà più visibile ad aprile / maggio. Attualmente ci sono problemi, principalmente a causa della disponibilità limitata di contenitori refrigerati. Alcuni Bundesländer hanno revocato il divieto domenicale di trasporto di camion su strada fino al 30 maggio per i prodotti alimentari e di igiene a scadenza per soddisfare la domanda. Questi sono il Nord Reno-Westfalia, il Baden-Württemberg, la Bassa Sassonia e la Sassonia. (Lebensmittelzeitung).

Francia: la Francia ha adottato misure più rigorose. I negozi chiudono, restano aperti solo supermercati e altri negozi di alimentari, farmacie, pompe di benzina e banche. Inoltre, il centro all'ingrosso Rungis di Parigi ha dovuto chiudere i suoi cancelli. Questo è uno sbocco molto importante per i nostri esportatori (olandesi), che si ferma immediatamente.

Nei supermercati c'è una corsa a prodotti di lunga durata come pasta e pesce in scatola. Il settore agroalimentare francese rileva fluttuazioni dei prezzi sui mercati internazionali dei prodotti primari (grano, mais, colza). Il settore francese è particolarmente colpito dalla caduta della domanda in Cina, come la caduta della domanda di latte in polvere per latte per neonati. Danone ottiene il 10% del suo fatturato dalla Cina e ha già una perdita di 100 milioni di euro nel primo trimestre. Anche il settore francese sta incontrando problemi nel campo dell'agricoltura, vale a dire che vacilla il trasporto marittimo di container dalla Cina. Ciò si aggiunge alle conseguenze degli scioperi nei porti francesi all'inizio del 2020.

Belgio: secondo il settore (Boerenbond), l'impatto sull'agricoltura fiamminga si sta già avvertendo, ma l'impatto è più indiretto poiché il commercio si sta bloccando altrove e l'effetto è lieve. Per il momento, è principalmente uno shock di produzione (aumento dei prezzi di trasporto e congestione nella catena di trasporto e di produzione) e la domanda regge. Tuttavia, se l'epidemia continua per un periodo più lungo, ciò può cambiare rapidamente (e quindi avere un impatto maggiore). I principali settori già interessati sono le patate (i prezzi) e le esportazioni di latte. Per il momento non ci sono effetti sui prezzi di frutta e verdura. Il fatturato annuo dell'industria alimentare belga dipende per oltre il 55% dalle esportazioni.

Da venerdì sera 13 marzo a mezzanotte, tutti gli esercizi di ristorazione sono chiusi per 3 settimane (fino all'inizio delle vacanze di Pasqua in Belgio il 3 aprile). Le scuole chiuderanno anche dal lunedì fino alle vacanze di Pasqua.

Italia: l'offerta dall'Italia è stagnante. C'è paura tra i conducenti di entrare o uscire dal paese. Hanno paura che le misure diventino ancora più difficili e il contatto con il loro fronte interno sarà interrotto. Inoltre, c'è un enorme ingorgo di camion sulla strada nazionale in uscita vicino a Bologna. Controlli extra alla frontiera hanno portato a decine di chilometri di ingorghi. Infine, gli impianti di produzione stanno chiudendo e inviando sempre più personale a casa.

Le vendite di generi alimentari nei supermercati stanno andando molto bene, perché le persone hanno iniziato a comprare cibo in massa e perché i negozi specializzati sono chiusi in molti casi (le persone non sono / meno autorizzate a lasciare la propria casa, quindi ottengono i loro prodotti in un punto vendita: il supermercato). La chiusura di ristoranti, mense scolastiche, ristoranti e altri esercizi di ristorazione ha un effetto negativo. I mercati locali non continuano, ma continuano i mercati all'ingrosso.

Regno Unito: il governo attende il più a lungo possibile misure più pesanti. Nel fare ciò, spera di impedire alle persone di stancarsi di queste misure prima che le minacce siano più gravi. L'idea è che ciò eviterebbe un forte aumento del numero di infezioni. Finora, la consulenza del governo ai cittadini è stata in gran parte limitata all'autoisolamento di una settimana in caso di sintomi di tosse e febbre. Non ci sono restrizioni alla circolazione di persone o merci.

Spagna: in Spagna le misure vengono rafforzate. Le persone sono invitate a rimanere a casa e a lasciare la casa solo per cibo, medicine, cure, lavoro o "altre emergenze". I negozi chiudono e possono solo consegnare.

Danimarca: il 14 marzo, tutte le frontiere sono chiuse alle 12:00 per traffico personale, per il momento fino al 13 aprile. Non ci sono barriere per il traffico merci. Il flusso di merci deve continuare.

Polonia: da domenica 15 marzo alle ore 00.01, in Polonia verranno applicate ulteriori misure basate sullo stato di emergenza epidemiologica, incluso l'ingresso per gli stranieri. I voli internazionali saranno tutti cancellati e il confine sarà chiuso. La Polonia e le persone con permesso di soggiorno permanente sono obbligate a trascorrere 14 giorni in quarantena (a casa) al loro ritorno. Il confine rimane aperto alla circolazione delle merci (compresi i prodotti alimentari), sia di esportazione che di importazione. Ristoranti, centri commerciali, bar sono chiusi. I negozi di alimentari e le farmacie rimangono aperti. I ristoranti sono autorizzati a consegnare. Uno dei produttori di fertilizzanti minerali avverte di una possibile carenza di fertilizzanti in Polonia a causa di problemi di trasporto. Diversi rappresentanti dell'industria alimentare hanno assicurato giovedì che non ci saranno carenze nei negozi.

Kenya ed Etiopia: in Kenya ed Etiopia la prima infezione ufficiale è stata confermata il 13 marzo. Incontri nazionali e internazionali con più di 14 persone sono stati annullati in K enya.

Repubblica ceca e Slovacchia: entrambi i paesi hanno dichiarato lo stato di emergenza giovedì 12 marzo. Di conseguenza, aeroporti e valichi di frontiera sono stati chiusi. In Slovacchia, sono ammesse solo persone di nazionalità slovacca o con permesso di soggiorno. Nella Repubblica ceca, l'ingresso non è possibile per 15 nazionalità, compresi i cittadini olandesi. I voli cargo e il traffico merci internazionale non sono limitati, quindi le compagnie possono essere fornite. I centri commerciali saranno chiusi questo fine settimana, ad eccezione di negozi di alimentari e farmacie.

Turchia: in Turchia, 1 caso di Corona è stato confermato. Tuttavia, le chiacchiere o notizie provenienti da varie fonti (social media, ecc.) parlano di diverse dozzine di cosiddetti "casi sospetti". I prezzi dei generi alimentari sono aumentati mercoledì 11 marzo, ma ora sembrano tornare ai vecchi livelli.

Kuwait: il Kuwait ha annunciato un blocco totale l'11 marzo fino alla fine del mese. Tutti gli uffici governativi sono chiusi. Tutti i voli fino a venerdì 14 marzo sono stati cancellati. Nei supermercati ci sono molti allarmismi, i bancomat si stanno svuotando.

Arabia Saudita: è stato prorogato il divieto di viaggio per persone provenienti da diversi paesi, compresi quasi tutti i paesi dell'UE, compresi i Paesi Bassi. Il trasporto di merci non è interessato. Per un paese che dipende dall'estero per l'80% dei suoi bisogni di base, il divieto non è sorprendente. Si dice che alle organizzazioni governative sia stato chiesto di cercare un risparmio del 20% sul budget, che senza dubbio avrà anche un impatto sugli investimenti previsti nel settore agricolo.

Fonte:floraholland.com

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Lost Password