Salone del Mobile 2019: Tecnologia

Slider News Vetrinistica Oggi Vetrinistica

Nel baillame di proposte, eventi e turbinio di persone impegnate a fare selfie e foto al volo quello che appare evidente è l’avanzata imperiosa della tecnologia su tutti i fronti della nostra vita quotidiana, dalla mobilità agli oggetti più comuni.
La tecnologia applicata a progetti eco-emotivi sostenibili è capace di generare soluzioni vincenti soprattutto se rivolta al riciclo della materia, sia in prodotti di uso comune che oggetti del desiderio, come nel caso dell’umile ferro da stiro che può ora essere realizzato nella stampante 3d e assemblato nei suoi componenti anche dalla casalinga. 4353 - 4354
Sempre grazie alla stampa 3d Jun Murakoshi trasforma dei semplici moduli tubolari in sculture di grande respiro, o in elementi decorativi che ricordano rami e arbusti.

Sempre grazie alla stampa 3d Jun Murakoshi trasforma dei semplici moduli tubolari in sculture di grande respiro, o in elementi decorativi che ricordano rami e arbusti.

Mentre dal recupero delle pale eoliche possono ricavarsi arredi e sedute per l’interno e l’esterno.
Con moduli stampati si possono creare tutte le forme di illuminazione che si voglia, trovandosi a che fare con un cablaggio duttile come una collana.

Studiolo Robotico concilia invece la capacità di creatività, contro un possibile abuso delle scoperte scientifiche che potrebbero portare in un prossimo futuro ad una situazione di autodistruzione, con l’approccio alle nuove tecnologie digitali che grazie agli alogritmi permettono la realizzazione di manufatti “artigianali”.

Il prossimo futuro è però già alle porte, stimolato dalla ricerca di applicazioni sui prodotti di riciclo e dalle nuove tecnologie, ci vestiremo presto con indumenti ipertecnologici, che magari potremo stamparci da noi direttamente a casa propria creando abiti da indossare per l’occasione e dando sfogo sempre più al casual-nostyle, mentre useremo trouse per bellezza ed igiene ricavati dagli scarti della macellazione.
Combinando invece fibre tessili ed elementi stampati in 3dD con proprietà di cattura della CO2 ogni individuo contribuirà alla riduzione dell’inquinamento atmosferico. Ovviamente non può esserci un capo d’abbigliamento privo di gioielli e anche in questo caso la stampante 3D può sfornare ogni soluzione desiderata.
Ma l’innovazione è mirata anche nell’intimo, capace di produrre un reggiseno personalizzato per ogni donna che soffre di tumore al seno. Nuovi materiali tessili prendono vita mescolando tessuti naturali e filati sintetici come nel caso di tessuti thermoformati destinati all’isolamento acustico e termico composti al 90% di canapa e dal 10% di PLA (acido polilattico)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Lost Password